4 specialità IGP toscane da leccarsi i baffi

- Advertisement -

4 specialità IGP toscane che bisogna assolutamente conoscere e soprattutto assaggiare!

La Toscana è la patria di tantissimi prodotti di qualità: 15 DOP, 16 IGT e altre specialità tutte da scoprire e da assaggiare. Fra le bontà IGP ce ne sono quattro che fanno impazzire buongustai.

Farro della Garfagnana. Il farro è un cereale antichissimo che affonda le proprie radici fin dai tempi dei Romani con metodi naturali, senza ricorso a sostanze chimiche che lo consideravano uno dei piatti clou della dieta dei soldati legionari. Scomparso quasi ovunque, sopravvive in Garfagnana, dove viene coltivato in piccoli appezzamenti di terreno, brillato in antichi mulini di pietra e regolarmente usato per preparare zuppe, minestre e torte salate.

Finocchiona. È uno dei simboli degli insaccati toscani di qualità, frutto di una ricetta antichissima che risale fino al Medioevo. La finocchiona è un insaccato tipico toscano costituito da carni di suino nazionali scelte, della gota e della spalla del maiale macinate impastate con aggiunta di sale, finocchio e aromi e poi bagnata con il vino rosso. Nella zona del Valdarno e in provincia di Firenze viene chiamata anche briciolona o pappona, perché è poco stagionata quindi molto morbido, e a volte per tagliarla si sbriciola.

4 specialità IGP toscane: che fame!

Fungo di Borgotaro. Insignito dell’Igp nel 1993 e tutelato dall’omonimo Consorzio, è uno dei prodotti di punta della gastronomia emiliana e toscana. Si può infatti trovare sia a Borgo Val di Taro ed Albareto, in provincia di Parma e Pontremoli sia a Massa Carrara. È un prodotto naturale di qualità superiore che cresce nei boschi della Val di Taro, dove viene raccolto durante l’autunno. Dal colore che varia dal bianco-nocciola al marrone a seconda delle varietà, si distingue dagli altri porcini per il profumo deciso, il sapore delicato e la particolare morbidezza.

Lardo di Colonnata. Originariamente era solo il companatico povero dei cavatori di marmo, oggi è una delle bandiere gastronomiche toscane ma non solo. Nato dalla tradizione povera, il lardo di Colonnata viene ancora oggi preparato come si faceva un tempo: dopo essere stato tagliato a spessi pezzi quadrati è adagiato in conche di marmo di Carrara, quindi ricoperto con sale, spezie, erbe e in base alla ricetta anche chiodi di garofano, cannella e coriandolo.

Queste sono 4 specialità IGP toscane che assolutamente non potete perdervi, poi ovviamente ve ne racconteremo altre…

- Advertisement -

Ti consigliamo:

Leggi anche:

Fiumalbo, il borgo dei Celti

Fiumalbo, borgo medievale dalle antiche origini, si trova nell’alto Appennino Modenese, al confine con...

Palmenti di Pietragalla, le sorprendenti costruzioni rupestri della Basilicata

Sono circa trenta i chilometri che separano Potenza dai Palmenti di Pietragalla, una distanza...

Bergamo e Brescia: Capitali della cultura 2023

Bergamo e Brescia saranno Capitali della cultura 2023. E’ stato appena firmato il protocollo...

Imille si aggiudica la gara social di ITsART

Imille conia il concetto di “culturtainment” (culture + entertainment), un nuovo modo di parlare...

Statua di Cristina Trivulzio di Belgiojoso, svelata ieri nella...

Ieri, mercoledì 15 settembre, il Sindaco Giuseppe Sala ha svelato la statua di Cristina...

Golosaria quindicesima edizione: tra i Castelli del Monferrato

Apriranno sabato 11 settembre al castello di Casale Monferrato i cancelli - fisici e simbolici...

Cosa scegli?

Translate »