Statua di Cristina Trivulzio di Belgiojoso, svelata ieri nella piazza salotto di Milano

- Advertisement -

Ieri, mercoledì 15 settembre, il Sindaco Giuseppe Sala ha svelato la statua di Cristina Trivulzio di Belgiojoso nell’omonima piazza, donando a Milano il primo monumento dedicato a una donna.

 

Opera dello scultore bresciano Giuseppe Bergomi è stata collocata davanti al palazzo dove risiedette dopo il matrimonio avvenuto nel 1824. Cristina Trivulzio di Belgiojoso fu un’eroina del Risorgimento, patriota giornalista e imprenditrice, una rivoluzionaria che sfidò l’Austria, filantropa che usò il suo patrimonio per sostenere le sue idee riformatrici e che finanziò l’apertura di asili e scuole.

 

Il progetto del monumento è stato promosso dalla Fondazione Brivio Sforza, con il sostegno della Banca di Credito Cooperativo di Milano, con il contributo del Comune di Milano in collaborazione con l’impresa culturale creativa le Dimore del Quartetto e con il patrocinio di Regione Lombardia. Creata a 150 anni dalla morte della nobildonna non è una statua statica, è in movimento e rappresenta Cristina Trivulzio di Belgiojoso nell’attimo in cui si sta alzando dalla poltrona, per accogliere gli ospiti del suo salotto.

La statua di Cristina Trivulzio di Belgiojoso, la prima statua dedicata a una donna a Milano

Per le fattezze della donna Bergomi ha preso spunto dal ritratto di Hayez, tramite cui ha colto e riprodotto l’essenza della sua bellezza, della sua intelligenza, audacia e modernità. Abbigliata con un abito di severa fattura, porta i capelli raccolti a chignon e al polso un bracciale con una grande perla, riproduzione fedele del gioiello originale.

 

“E’ incredibile che a Milano non ci fosse prima di oggi nessuna statua dedicata a una donna” ha detto il Sindaco Giuseppe Sala “la prossima sarà dedicata a Margherita Hack”. In effetti, a Milano, sono presenti 121 statue, nessuna delle quali dedicata da una figura femminile, salvo soggetti di iconografia religiosa o allegorici.

 

Sul retro della statua in bronzo si leggono queste parole: “Vogliano le donne felici e onorate dei tempi avvenire rivolgere tratto tratto il pensiero ai dolori e alle umiliazioni delle donne che le precedettero, e ricordare con qualche gratitudine i nomi di quelle che loro apersero e prepararono la via alla non mai prima goduta, forse appena sognata felicità!”.

 

 

- Advertisement -

Ti consigliamo:

Leggi anche:

Palmenti di Pietragalla, le sorprendenti costruzioni rupestri della Basilicata

Sono circa trenta i chilometri che separano Potenza dai Palmenti di Pietragalla, una distanza...

Bergamo e Brescia: Capitali della cultura 2023

Bergamo e Brescia saranno Capitali della cultura 2023. E’ stato appena firmato il protocollo...

Imille si aggiudica la gara social di ITsART

Imille conia il concetto di “culturtainment” (culture + entertainment), un nuovo modo di parlare...

Statua di Cristina Trivulzio di Belgiojoso, svelata ieri nella...

Ieri, mercoledì 15 settembre, il Sindaco Giuseppe Sala ha svelato la statua di Cristina...

Golosaria quindicesima edizione: tra i Castelli del Monferrato

Apriranno sabato 11 settembre al castello di Casale Monferrato i cancelli - fisici e simbolici...

Tripfordog: al museo con il cane

Fino ad oggi se si volevano vedere alcuni musei importanti bisognava lasciare a casa...

Cosa scegli?

Translate »