Guido d’Arezzo, una musica tutta italiana

- Advertisement -

Guido monaco, o Guido Pomposiano, conosciuto però come Guido d’Arezzo nato sul finire del primo millennio forse ad Arezzo ma non ne siamo sicuri, era un monaco benedettino ed insegnante di musica.

Proprio durante l’insegnamento capi che i monaci faticavano ad imparare i canti gregoriani. Era un problema che andava risolto: studiò ed inventò un metodo di insegnamento mai visto fino a quel momento. Una metodologia che lo rese in poco tempo famoso nonostante l’invidia degli altri monaci. Invidia che lo spinse a spostarsi da Pomposa, dove insegnava, ad Arezzo, città che non aveva abbazie ma una scuola di canto.

Qui perfezionò i suoi studi ed arrivò a codificare la moderna notazione musicale che, lo sappiamo bene oggi, rivoluzionò non solo l’insegnamento musicale, ma anche la composizione.

Guido d’Arezzo ed il tetragramma

Guido d’Arezzo aveva infatti messo le basi del sistema teorico di solmisazione, la prima forma di solfeggio, ma non solo: aveva codificato anche il modo di scrivere le note, assegnando ad ogni nota la posizione sulle righe e negli spazi del rigo musicale. Il suo rigo aveva 4 righe anzichè le moderne 5 del pentagramma (fu Ugolino Urbevetano che lo introdusse) tant’è che venne definito tetragramma.

E’ evidente che quanto inventato da Guido d’Arezzo abbia rivoluzionato da lì in avanti non solo il modo di insegnare musica, ma anche tutto quello che ha a che fare con la composizione. Come avrebbero fatto i grandi nomi, italiani e stranieri, dei secoli successivi a lasciarci i loro capolavori senza la “mano” di Guido d’Arezzo?

guido d'arezzo
guido d’arezzo

 

 

- Advertisement -

Ti consigliamo:

Leggi anche:

Imille si aggiudica la gara social di ITsART

Imille conia il concetto di “culturtainment” (culture + entertainment), un nuovo modo di parlare...

Statua di Cristina Trivulzio di Belgiojoso, svelata ieri nella...

Ieri, mercoledì 15 settembre, il Sindaco Giuseppe Sala ha svelato la statua di Cristina...

Golosaria quindicesima edizione: tra i Castelli del Monferrato

Apriranno sabato 11 settembre al castello di Casale Monferrato i cancelli - fisici e simbolici...

Tripfordog: al museo con il cane

Fino ad oggi se si volevano vedere alcuni musei importanti bisognava lasciare a casa...

Costa dei Trabocchi in moto, un itinerario imperdibile

Eccoci pronti in sella al nostro bolide per percorrere i 70 chilometri del litorale...

Francavilla al Mare, un comune tutto da scoprire

Francavilla al Mare è una piacevole località balneare della provincia di Chieti che affaccia...

Cosa scegli?

Translate »