Connect with us

Tradizioni e curiosità

Il mistero della Sacra Sindone

Un lenzuolo di lino (dal greco sindon) di colore giallastro e rettangolare. Intorno a questo drappo di stoffa aleggiano misteri millenari connessi a religione e forze soprannaturali. E’ la Sindone di Torino, nota anche come Sacra Sindone o Santa Sindone, è una della più importanti reliquie del cristianesimo che da sempre fa discutere i fedeli e il mondo della scienza.

Il lenzuolo è applicato e cucito su una tela bianca d’Olanda, applicata dalle suore Clarisse di Chambéry, dopo l’incendio di Chambéry del 1532: il tutto è posto su una tela rossa, con una bordatura azzurro-violetta, contenente nel suo spessore delle lamine metalliche che servivano a mantenere distesa la Sindone al momento delle ostensioni manuali.

Il mistero della Sacra Sindone

Fin qui nulla di speciale, se non fosse che sulla Sindone è visibile l’immagine di un uomo che porta segni dovuti a maltrattamenti e torture e compatibili con quelli descritti nella passione di Gesù. In più, la sagoma assomiglia all’icona di Gesù che appare su libri, quadri e scritture.

Questo ha datato il drappo sacro in un intervallo di tempo, compreso tra il 1260 e il 1390. Per i fedeli cristiani, la Sacra Sindone rappresenta il telo di lino dove venne avvolto il corpo di Cristo, dopo la sua crocifissione e su cui, per miracolo, sarebbe rimasta impressa l’immagine del figlio di Dio.

Nel 1988, due prestigiosi laboratori di Tucson e Zurigo, fanno contemporaneamente e in modo del tutto indipendente, l’esame del carbonio 14 sulla Sindone: un esame altamente scientifico che ha stabilito che la Sindone aveva una data ben più recente, rispetto alle prime ipotesi.

La sua storia, sia quella documentata sia quella supposta, passa da scomuniche, incendi e furti, fino a farla giungere dove ad oggi viene conservata, al Duomo di Torino. Non è possibile avvicinarsi se non a qualche metro di distanza.

Le sue misure sono di 441 centimetri di lunghezza e 111 di lunghezza. Sopra vi si possono scorgere, due immagini verticali, una frontale e una dorsale, di un uomo maschio adulto, con la barba e i capelli lunghi. Continuano ad essere molti gli interrogativi suscitati dalla Sacra Sindone, ma rimane sempre di fascino estremo e di incredibile interesse.

Sacra Sindone

Sacra Sindone

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

Carloforte - foto di lanuovasardegna.it Carloforte - foto di lanuovasardegna.it

Carloforte, l’isola nell’isola

Sardegna

Il gobbo nella smorfia napoletana Il gobbo nella smorfia napoletana

Il gobbo nella smorfia napoletana: origine e significato

Tradizioni e curiosità

gorgonzola gorgonzola

Il mistero delle origini del gorgonzola: formaggio lombardo oppure no?

Enogastronomia

David di Michelangelo David di Michelangelo

David di Michelangelo, l’emblema del Rinascimento italiano

Tradizioni e curiosità

Cristo velato - foto di vesuviolive.it Cristo velato - foto di vesuviolive.it

Cristo velato, dove la perfezione supera la comprensione umana

Campania

Tre Cime di Lavaredo Tre Cime di Lavaredo

Tre Cime di Lavaredo, un vero incanto!

Veneto

17 marzo 1861 17 marzo 1861

17 marzo 1861: la nascita dello Stato Italiano

2021

dito cattelan dito cattelan

Dito Cattelan: L.O.V.E. Amore in piazza Affari?

Lombardia

Bronzi di Riace Bronzi di Riace

Bronzi di Riace, i due eroi restituiti dal mare

Tradizioni e curiosità

Le case igloo del quartiere Maggiolina a Milano Le case igloo del quartiere Maggiolina a Milano

Le case igloo del quartiere Maggiolina a Milano

Lombardia

Translate »