Il Museo dei Misteri della “regione che non c’è”

- Advertisement -

Spesso viene chiamata la “regione che non esiste”. Il Molise il più delle volte sottovalutato e, persino dimenticato forse per le sue dimensioni ridotte, è una terra affascinante che custodisce veri gioielli. Come il Museo dei Misteri, una chicca ubicata nel capoluogo di regione, Campobasso.

Un luogo talmente particolare e di grande importanza storica che si è aggiudicato il decimo posto nella classifica dei Luoghi del Cuore, concorso indetto dal Fai, Fondo Ambiente Italiano e che invita tutti i cittadini italiani a scegliere il proprio luogo culturale preferito.

Il Museo è legato a doppio filo alla processione dei Misteri, la festa più sentita e importante della città. Rappresenta la tradizione ma è soprattutto un momento di partecipazione popolare con radici ancorate al passato. Ogni anno, dalla metà del XVIII secolo, in occasione della festività del Corpus Domini, i Misteri sfilano tra gli stretti vicoli del centro storico e le principali strade della città di Campobasso.

Il Museo dei Misteri

Nella sfilata vengono rappresentate 13 scene del vecchio e del nuovo testamento che rappresentano la vita dei Santi. I Misteri prendono vita su congegni meccanici ognuno dei quali è costituito da una struttura ferrosa che posa su una base di legno; le strutture così composte vengono portate a spalla e, per celarne lo scheletro, sono addobbate creando un effetto visivo di impatto.

Il materiale con cui i congegni furono realizzati dallo scultore Paolo Saverio di Zinno, attivo nel Settecento, rimane un mistero: si tratta di una lega che permette alle strutture ferrose di non spezzarsi e di mantenersi flessibili. I portatori, facendo oscillare le strutture in ferro, creano la sensazione di vedere angeli e demoni, madonne e santi volare da terra. Ad oggi, la sfilata conserva le caratteristiche originarie: i figuranti, circa 70 persone tra cui 55 bambini, si ritrovano presso il Museo dei Misteri, con i circa 200 portatori e alle bande musicali.

Gli ingegni sono conservati, appunto, presso il Museo dei Misteri, luogo da cui parte e a cui fa ritorno la sfilata; qui sono in mostra durante l’anno ed è, quindi, possibile ammirarli.

museo dei misteri - foto corriere.it
museo dei misteri – foto corriere.it

 

 

- Advertisement -

Ti consigliamo:

Leggi anche:

Imille si aggiudica la gara social di ITsART

Imille conia il concetto di “culturtainment” (culture + entertainment), un nuovo modo di parlare...

Statua di Cristina Trivulzio di Belgiojoso, svelata ieri nella...

Ieri, mercoledì 15 settembre, il Sindaco Giuseppe Sala ha svelato la statua di Cristina...

Golosaria quindicesima edizione: tra i Castelli del Monferrato

Apriranno sabato 11 settembre al castello di Casale Monferrato i cancelli - fisici e simbolici...

Tripfordog: al museo con il cane

Fino ad oggi se si volevano vedere alcuni musei importanti bisognava lasciare a casa...

Costa dei Trabocchi in moto, un itinerario imperdibile

Eccoci pronti in sella al nostro bolide per percorrere i 70 chilometri del litorale...

Francavilla al Mare, un comune tutto da scoprire

Francavilla al Mare è una piacevole località balneare della provincia di Chieti che affaccia...

Cosa scegli?

Translate »