Connect with us

Tradizioni e curiosità

Italo Calvino, fra fantasia e scienza

Nato nel 1923 a Santiago de Las Vegas, l’Avana, Cuba, Italo Calvino è considerato uno degli scrittori più importanti del Novecento, non solo italiani ma a livello mondiale.

Ha attraversato epoche e stili letterari, con romanzi impegnati, passando dai libri che raccontano il periodo fascista, fino ai racconti fantastici, surreali e allegorici. Questo non gli ha impedito di dedicarsi al disegno (illustrava i suoi libri), il fumetto e il cinema, sua grande passione.

Nel 1946 comincia a gravitare attorno alla casa editrice Einaudi, vendendo libri a rate. Grazie a Cesare Pavese si dedica alla stesura del suo primo libro, Il sentiero dei nidi di ragno che esce nel 1947: una ricognizione appunto del periodo bellico e del mondo partigiano. E’ la fase iniziale della sua carriera in cui si rifà al filone del Neorealismo, spinto dall’urgenza di narrare il tragico passaggio dal periodo fascista a quello repubblicano.

Da Einaudi, Italo Calvino ha la possibilità di frequentare i grandi intellettuali dell’epoca: Elio Vittorini, Natalie Ginzburg, Norberto Bobbio e Felice Balbo.

Nel 1951 scrive di getto Il visconte dimezzato, seguito da Il barone rampante, Il cavaliere inesistente. Volumi dedicati alle storie fantastiche ma ricche di allegorie e rimandi alla realtà del tempo.

Italo Calvino e Marcovaldo

Nel 1963 pubblica La giornata di uno scrutatore, in cui racconta la giornata tipo di uno scrutatore intellettuale di sinistra alle elezioni del 1953; nello stesso anno esce Marcovaldo.

Nel 1965 Italo Calvino pubblica Le cosmicomiche e nel 1967 Ti con zero, mentre tra la fine degli anni Sessanta e l’inizio degli anni Ottanta pubblica Le città invisibili, Il castello dei destini incrociati, Se una notte d’inverno un viaggiatore e Palomar.

E’ questa la seconda fase letteraria che nasce in concomitanza con l’interesse per le teorie scientifiche, per la nascita del cosmo e la struttura della materia. Solo successivamente, Italo Calvino metterà a frutto la sua vena postmoderna, sperimentando le pratiche della metanarrazione e del gioco combinatorio che mettono in discussione i meccanismi del racconto tradizionale.

Italo Calvino muore a Santa Maria della Scala, Siena,  il 19 settembre 1985, all’età di 61 anni, colpito da un’emorragia celebrale.

italo calvino

italo calvino

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

Carloforte - foto di lanuovasardegna.it Carloforte - foto di lanuovasardegna.it

Carloforte, l’isola nell’isola

Sardegna

Il gobbo nella smorfia napoletana Il gobbo nella smorfia napoletana

Il gobbo nella smorfia napoletana: origine e significato

Tradizioni e curiosità

gorgonzola gorgonzola

Il mistero delle origini del gorgonzola: formaggio lombardo oppure no?

Enogastronomia

David di Michelangelo David di Michelangelo

David di Michelangelo, l’emblema del Rinascimento italiano

Tradizioni e curiosità

Cristo velato - foto di vesuviolive.it Cristo velato - foto di vesuviolive.it

Cristo velato, dove la perfezione supera la comprensione umana

Campania

Tre Cime di Lavaredo Tre Cime di Lavaredo

Tre Cime di Lavaredo, un vero incanto!

Veneto

17 marzo 1861 17 marzo 1861

17 marzo 1861: la nascita dello Stato Italiano

2021

dito cattelan dito cattelan

Dito Cattelan: L.O.V.E. Amore in piazza Affari?

Lombardia

Bronzi di Riace Bronzi di Riace

Bronzi di Riace, i due eroi restituiti dal mare

Tradizioni e curiosità

Le case igloo del quartiere Maggiolina a Milano Le case igloo del quartiere Maggiolina a Milano

Le case igloo del quartiere Maggiolina a Milano

Lombardia

Translate »