Connect with us

Enogastronomia

Una bontà tutta campana: la minestra maritata

A Napoli e, in generale, in tutta la Campania le tradizioni sono sacre, soprattutto quelle culinarie. E quale momento migliore dell’anno se non i pranzi delle Feste per eccellenza, Natale e Santo Stefano, per preparare deliziosi manicaretti tramandati da centinaia di anni, di generazione in generazione. Uno dei piatti di punta delle festività partenopee è la minestra maritata. Una prelibatezza tutt’altro che leggera che va gustata nei periodi più freddi.

Il nome è curioso ed è già tutto un programma. Si tratta di un piatto caldo a base di verdure e carne in brodo. La ricetta della minestra maritata campana ha molte varianti: ogni città ne ha una versione diversa e, addirittura, ogni famiglia. Nonostante questo, ci sono delle regole imprescindibili, come il contrasto tra verdure dolci e amare che deve essere perfettamente bilanciato. Altrimenti non è un buon matrimonio!

La dicitura “maritata” deriva, infatti, dal fatto che gli ingredienti di carne e verdura si sposano partecipando insieme alla minestra. La ricetta, nel corso degli anni, è stata notevolmente rimaneggiata, eliminando o modificandone gli ingredienti che sono sempre più rari da reperire in commercio.

La minestra maritata

Nel corso delle festività, tuttavia, nei mercatini rionali del capoluogo campano si possono ancora acquistare le verdure tipiche per preparare questo piatti tradizionale: cicoria, piccole scarole (dette scarulelle), verza e borragine, che ne conferisce una nota amarognola. In qualche variante si usa anche la catalogna (in napoletano: puntarelle). La carne è tipicamente di maiale, come tracchie (puntine, chiamate anche costicine o costolette), salsicce e altri tagli.

La minestra maritata ha origini molto antiche e si dice fosse presente nei menu degli antichi romani. Una seconda ipotesi vuole che la minestra maritata sia giunga dalla Spagna: solo nel XIII secolo venne importata nel Regno di Napoli la “olla podrida”, una zuppa dalla preparazione simile alla minestra campana. Entrambe le versioni potrebbero essere vere, e chissà che la moderna minestra maritata non sia l’unione di entrambe le tradizioni.

la minestra maritata - foto unadonna.it

la minestra maritata – foto unadonna.it

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

Carloforte - foto di lanuovasardegna.it Carloforte - foto di lanuovasardegna.it

Carloforte, l’isola nell’isola

Sardegna

Il gobbo nella smorfia napoletana Il gobbo nella smorfia napoletana

Il gobbo nella smorfia napoletana: origine e significato

Tradizioni e curiosità

gorgonzola gorgonzola

Il mistero delle origini del gorgonzola: formaggio lombardo oppure no?

Enogastronomia

David di Michelangelo David di Michelangelo

David di Michelangelo, l’emblema del Rinascimento italiano

Tradizioni e curiosità

Cristo velato - foto di vesuviolive.it Cristo velato - foto di vesuviolive.it

Cristo velato, dove la perfezione supera la comprensione umana

Campania

Tre Cime di Lavaredo Tre Cime di Lavaredo

Tre Cime di Lavaredo, un vero incanto!

Veneto

17 marzo 1861 17 marzo 1861

17 marzo 1861: la nascita dello Stato Italiano

2021

dito cattelan dito cattelan

Dito Cattelan: L.O.V.E. Amore in piazza Affari?

Lombardia

Bronzi di Riace Bronzi di Riace

Bronzi di Riace, i due eroi restituiti dal mare

Tradizioni e curiosità

Le case igloo del quartiere Maggiolina a Milano Le case igloo del quartiere Maggiolina a Milano

Le case igloo del quartiere Maggiolina a Milano

Lombardia

Translate »