Connect with us

Tradizioni e curiosità

Dov’è l’uscita? I labirinti più suggestivi

Tra i labirinti più grandi d’Italia, uno  è a Fontanellato, in provincia di Parma, un borgo ricco di storia, da un’idea di Franco Maria Ricci, editore, designer, collezionista d’arte e da una promessa da lui fatta nel 1977 allo scrittore argentino Jorge Luis Borges, affascinato da sempre dal simbolo del labirinto. Il labirinto Della Masone è fatto di bambù. Ricci ha piantato in questi anni più di 20.000 bambù e, nel parco, se ne possono trovare circa 20 specie differenti, da quelle nane a quelle giganti.

Nel Canavese c’è il secondo labirinto botanico d’Italia per estensione: si trova nel parco del Castello di Masino, a Caravino, tra Ivrea e Santhià. Quello nel parco del Castello di Masino è segnato fin dal 1753 nelle carte, mentre il disegno giunto fino a noi è di stile ottocentesco inglese. Nel 1988 il labirinto è stato ceduto al FAI Fondo Ambiente Italiano. Il labirinto di siepi è fatto di 1400 piante di carpini, con pareti verdi: per chi si “arrende”, c’è una torretta su cui arrampicarsi per trovare la via d’uscita… Basta trovare la torretta!

Il labirinto del Parco Sigurtà a Valeggio sul Mincio, Verona, è stato inaugurato nel luglio 2011. Si tratta di una composizione che ospita 1.500 esemplari di piante di Tasso alte più di due metri e si estende su una superficie di 2500 metri quadrati. Al centro del dedalo sorge una torre, ispirata a quella del parco di Bois de Boulogne di Parigi: per i visitatori giungere alla torre sarà una vera e propria ricompensa della soluzione, perché dall’alto si potranno ammirare le geometrie del percorso e vedere l’uscita.

Dov’è l’uscita? I labirinti più suggestivi

Chi si trova a visitare il Friuli Venezia Giulia potrebbe prendere in considerazione una tappa a Cordovado, uno dei Borghi più belli d’Italia, in provincia di Pordenone. Si tratta di un paesino medievale con un immenso giardino con un pittoresco labirinto a forma di sole di duemila rose damascene, realizzato nel 2015 da Benedetta Piccolomini. Seguendo i principi dell’agricoltura biodinamica di Rudolph Steiner, fondatore dell’antroposofia, la Piccolomini si è ispirata per la sua creazione alla forma della rosa perfetta a cinque petali, spesso accostata alla figura dell’Uomo disegnato da Leonardo da Vinci.

labirinti

labirinti

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

Carloforte - foto di lanuovasardegna.it Carloforte - foto di lanuovasardegna.it

Carloforte, l’isola nell’isola

Sardegna

Il gobbo nella smorfia napoletana Il gobbo nella smorfia napoletana

Il gobbo nella smorfia napoletana: origine e significato

Tradizioni e curiosità

gorgonzola gorgonzola

Il mistero delle origini del gorgonzola: formaggio lombardo oppure no?

Enogastronomia

David di Michelangelo David di Michelangelo

David di Michelangelo, l’emblema del Rinascimento italiano

Tradizioni e curiosità

Cristo velato - foto di vesuviolive.it Cristo velato - foto di vesuviolive.it

Cristo velato, dove la perfezione supera la comprensione umana

Campania

Tre Cime di Lavaredo Tre Cime di Lavaredo

Tre Cime di Lavaredo, un vero incanto!

Veneto

17 marzo 1861 17 marzo 1861

17 marzo 1861: la nascita dello Stato Italiano

2021

dito cattelan dito cattelan

Dito Cattelan: L.O.V.E. Amore in piazza Affari?

Lombardia

Bronzi di Riace Bronzi di Riace

Bronzi di Riace, i due eroi restituiti dal mare

Tradizioni e curiosità

Le case igloo del quartiere Maggiolina a Milano Le case igloo del quartiere Maggiolina a Milano

Le case igloo del quartiere Maggiolina a Milano

Lombardia

Translate »