Fra arte e storia dei marchi più famosi: i musei d’impresa

- Advertisement -

Una panoramica della storia produttiva, culturale e progettuale del Belpaese e delle sue eccellenze nei principali settori del made in Italy: design, food, moda, motori, economia e ricerca. Facciamo un tour nei musei d’impresa più famosi.

Il Museo Alessi è stato inaugurato nel 1998 e ospita oggetti e prototipi, disegni, fotografie, rassegne stampa, pubblicazioni monografiche, periodiche e cataloghi dell’Alessi e di altre aziende, che documentano la storia del design italiano. La pratica di Fabbrica del design italiano, a metà strada tra industria e arte, ha attirato su Alessi l’interesse dei musei di arti applicate e di design di tutto il mondo e sono state organizzate molte mostre sull’attività dell’azienda.

Alla Galleria Campari di Sesto San Giovanni, alle porte di Milano, la storia del marchio viene raccontata tramite un viaggio nello spazio e nel tempo, tra affiche originali della Belle Époque, manifesti firmati da importanti artisti come Marcello Dudovich, Leonetto Cappiello, Fortunato Depero, Guido Crepax, Bruno Munari e Ugo Nespolo; spot di noti registi come Federico Fellini e Singh Tarsem; oggetti firmati da affermati designer come Matteo Thun e Matteo Ragni e oggetti vintage del mondo bar in questo museo d’impresa imperdibile.

Musei d’impresa

Casa Zegna, parte di Fondazione Zegna, è archivio storico e polo di aggregazione culturale a Trivero, in provincia di Biella. All’interno del Lanificio Zegna, in una palazzina anni ’30 che fu la casa di famiglia, è stata creata una sintesi della storia e delle esperienze. L’archivio storico, cuore di Casa Zegna, accoglie la raccolta di preziosi campionari tessuto, documenti, foto, video, testimonianze di cento anni di storia industriale.

Un itinerario circolare che ripercorre la filiera del caffè. Nato a Torino nel 2018, il Museo Lavazza è ospitato nella Nuvola Lavazza ideata dall’architetto Cino Zucchi è uno spazio dove i nuovi uffici della storica azienda fondata nel 1895 dialogano con un ristorante gourmet, un’area eventi, uno spazio archeologico e un bistrot. Un viaggio in cinque aree tematiche per un percorso immersivo nel mondo del caffè Lavazza, con una tazzina interattiva che permette al visitatore di attivare le istallazioni.

- Advertisement -

Ti consigliamo:

Leggi anche:

Fiumalbo, il borgo dei Celti

Fiumalbo, borgo medievale dalle antiche origini, si trova nell’alto Appennino Modenese, al confine con...

Palmenti di Pietragalla, le sorprendenti costruzioni rupestri della Basilicata

Sono circa trenta i chilometri che separano Potenza dai Palmenti di Pietragalla, una distanza...

Bergamo e Brescia: Capitali della cultura 2023

Bergamo e Brescia saranno Capitali della cultura 2023. E’ stato appena firmato il protocollo...

Imille si aggiudica la gara social di ITsART

Imille conia il concetto di “culturtainment” (culture + entertainment), un nuovo modo di parlare...

Statua di Cristina Trivulzio di Belgiojoso, svelata ieri nella...

Ieri, mercoledì 15 settembre, il Sindaco Giuseppe Sala ha svelato la statua di Cristina...

Golosaria quindicesima edizione: tra i Castelli del Monferrato

Apriranno sabato 11 settembre al castello di Casale Monferrato i cancelli - fisici e simbolici...

Cosa scegli?

Translate »