Otto e mezzo, capolavoro e orgoglio tutto italiano

- Advertisement -

Molti considerano “La Dolce vita” l’indiscusso capolavoro di Federico Fellini.

Forse per la scena del bagno nella Fontana di Trevi della splendida Anita Ekberg che con un semplice: “Marcello, come here” ha fatto sognare diverse generazioni.  Per molti critici, però, il punto più alto dell’espressione artistica del regista di Rimini è e rimane “Otto e mezzo”. La pellicola del 1963, dicono in molti, è il film più sincero di Fellini, un magnifico onirico autoritratto che il regista concepisce a quattro mani con lo scrittore Ennio Flaiano, co-sceneggiatore.

Il film, in fatti, narra di un regista in crisi creativa (interpretato dall’attore feticcio e alter-ego del cineasta, Marcello Mastroianni) che, alla ricerca di riposo e di un po’ di evasione, si rifugia in una rinomata stazione termale. Realtà e immaginazione si mescolano nella sua mente, e il luogo che dovrebbe dargli cura e distensione si popola dei personaggi che fanno parte della sua vita.

Donne bellissime, soprattutto: l’amante, la moglie, la prostituta e una nota attrice, la sua musa, interpretate da vere bellezze dell’epoca: Claudia Cardinale, Sandra Milo e Anouk Aimée. La pellicola è un susseguirsi di flashback e parti oniriche, incubi che sembrano strade senza uscita, sogni che racchiudono le donne della sua vita, voglia di purezza e di fuga.

Otto e mezzo capolavoro  italiano

Fellini mette a nudo le sue difficoltà, rivela al pubblico la paura di deludere le aspettative, la fatica nel regolare i conti con fantasmi, ricordi e volti del passato, soprattutto, di farli convivere con il presente.

Otto e mezzo è considerato uno dei più grandi film della storia del cinema, è stato inserito dalla rivista inglese Sight & Sound al nono posto nella top ten, secondo la classifica redatta dai critici, e al terzo in quella stilata dai registi.

Il cast tecnico di Otto e mezzo è composto da nomi del che hanno reso grande il Cinema italiano, Gianni Di Venanzo è il direttore della fotografia, Nino Rota compone musiche che diverranno una sorta di inno dell’immaginario felliniano. Il film ha ottenuto cinque candidature e vinto due Premi Oscar e ha portato a casa sette Nastri d’Argento.

otto e mezzo
otto e mezzo

- Advertisement -

Ti consigliamo:

Leggi anche:

Villasimius, siamo forse in paradiso?

Acque cristalline e spiagge candide: eccoci a Villasimius, un paradiso incantato, un lembo di...

Populonia, antica città-stato dell’Etruria

Eccoci a Populonia, antico abitato adagiato sulla collina che si affaccia sul Golfo di...

Vasto, il borgo sul golfo lunato

Vasto, antico borgo marinaro romano in cui il bel golfo lunato fa da cornice...

Strassoldo, l’antico borgo medievale con due castelli

Strassoldo, frazione del comune di Cervignano del Friuli, è un antico borgo medievale situato...

L’irresistibile fascino del Bel Paese per le star hollywoodiane

Fascino del Bel Paese per le star hollywoodiane: come possiamo dar loro torto? Sarà forse...

San Vito Chietino, il cuore della Costa dei Trabocchi

Siamo a San Vito Chietino nel cuore della Costa dei Trabocchi, nel paese delle...

Cosa scegli?

Translate »