Connect with us

Tradizioni e curiosità

Chi era Piero Manzoni, l’artista della m… a in scatola

Ne avrete sentito parlare o avete visto uno degli esemplari in un museo. “Merda d’artista. Contenuto netto gr.30. Conservata al naturale. Prodotta e inscatolata nel maggio 1961.”

E’ questa la scritta che accompagna l’opera più famosa di Piero Manzoni da cui è facile desumere il contenuto: si tratta di una scotola di latta con un contenuto davvero bizzarro. L’artista, nato a Soncino, in provincia di Cremona nel 1933, ne produsse 90 esemplari numerati e firmati: un metodo, usato solitamente dagli artisti seriali, per tutelare le proprie opere dai falsi.

Alcune di queste opere sono esposte nei più prestigiosi musei pubblici di arte moderna e contemporanea del mondo: l’esemplare numero 4 è esposto alla Tate Modern di Londra e la numero 80 è esposta nel nuovo Museo del Novecento di Milano. Molte altre sono nelle case di facoltosi collezionisti privati. Perché quest’opera così provocatoria? Più che nel “contenuto” è il concetto stesso alla base delle scatolette ad essere irriverente e, per l’epoca, davvero rivoluzionario. Nel pieno del boom economico, Manzoni, predisse infatti che la gente avrebbe comprato oggetti assolutamente inutili (e bizzarri) a prezzi folli., scommettendo che avrebbero pagato i suoi escrementi come l’oro.

Piero Manzoni e la sua m…

L’artista morì poco dopo, nel 1963, ma mai avrebbe pensato che potesse arrivare a valere molto più dell’oro! Qualche anno fa, la casa d’aste Sotheby’s ha battuto all’asta uno degli esemplari inscatolati per un valore capogiro: 275mila euro.

La sua carriera è brevissima e fulminante: debutta nel 1956 alla “IV Fiera mercato” del castello Sforzesco di Soncino. L’anno successivo partecipa alla mostra “Arte Nucleare”, presso la galleria San Fedele di Milano. Nel 1958 espone insieme a Lucio Fontana e ad Enrico Baj.

Lo stile di Manzoni diviene sempre più radicale. Supera la superficie del quadro e propone una serie di opere provocatorie, insofferenti nei confronti della tradizione: i Corpi d’aria e il Fiato d’artista (palloncini contenenti il fiato di Manzoni); le Uova scultura, autenticate dalle impronte digitali dell’artista; le Basi magiche, piedistalli sui quali chiunque può diventare un’opera d’arte.

piero manzoni

piero manzoni

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

Carloforte - foto di lanuovasardegna.it Carloforte - foto di lanuovasardegna.it

Carloforte, l’isola nell’isola

Sardegna

Il gobbo nella smorfia napoletana Il gobbo nella smorfia napoletana

Il gobbo nella smorfia napoletana: origine e significato

Tradizioni e curiosità

gorgonzola gorgonzola

Il mistero delle origini del gorgonzola: formaggio lombardo oppure no?

Enogastronomia

David di Michelangelo David di Michelangelo

David di Michelangelo, l’emblema del Rinascimento italiano

Tradizioni e curiosità

Cristo velato - foto di vesuviolive.it Cristo velato - foto di vesuviolive.it

Cristo velato, dove la perfezione supera la comprensione umana

Campania

Tre Cime di Lavaredo Tre Cime di Lavaredo

Tre Cime di Lavaredo, un vero incanto!

Veneto

17 marzo 1861 17 marzo 1861

17 marzo 1861: la nascita dello Stato Italiano

2021

dito cattelan dito cattelan

Dito Cattelan: L.O.V.E. Amore in piazza Affari?

Lombardia

Bronzi di Riace Bronzi di Riace

Bronzi di Riace, i due eroi restituiti dal mare

Tradizioni e curiosità

vasto - foto di turismo.abruzzo.it vasto - foto di turismo.abruzzo.it

Vasto, il borgo sul golfo lunato

Abruzzo

Translate »