Sperlinga, il borgo nato dalla roccia

- Advertisement -

Eccoci a Sperlinga, borgo rupestre della provincia di Enna situato tra i monti Nebrodi e le Madonie. Ci troviamo in un luogo antichissimo che affonda le sue radici nella preistoria.

La conformazione del territorio ha permesso all’uomo di insediarsi e di ricavare, scavando nella roccia di arenaria, un luogo ospitale dove vivere. Sperlinga deriva dal greco “spelonca” ossia grotta.

A partire da XII secolo a.C. venne avviata la creazione di una dimora regale scavata in una colossale roccia che, nel corso dei secoli, venne perfezionata e completata diventando un castello.

Fra le sue mura si stabilirono i feudatari che si avvicendarono nel corso del tempo. Nel 1282, durante i Vespri Siciliani, si asserragliò al suo interno la guarnigione francese di angioini che resistette all’assedio dei ribelli siciliani per più di un anno. In memoria di questo evento, nel tardo Cinquecento, venne incisa sull’arco del vestibolo del castello la dicitura QUOD SICULIS PLACUIT SOLA SPERLINGA NEGAVIT (la sola Sperlinga negò ciò che piacque ai siciliani).

Nel 1597 il re Filippo II concesse a Giovanni Natoli il titolo di Principe di Sperlinga, dandogli la facoltà di ingrandire il borgo feudale. Ed il principe, fra le altre cose, fece costruire la chiesa di San Giovanni Battista al di fuori delle mura. Suo figlio Francesco Natoli Maniaci, nel 1658, vendette tutto agli Oneto mantenendo però il titolo nobiliare di Principe di Sperlinga.

Nel 1973, dopo un passaggio in enfiteusi al barone Nunzio Nicosia, il castello venne acquistato dal comune di Sperlinga. Al suo interno le parti scavate nella roccia denotano l’antichità della struttura. Qui c’erano le scuderie, l’officina per i metalli, le carceri, i magazzini per le derrate e i serbatoi d’acqua.

Sperlinga - foto di turismooggi
Sperlinga – foto di turismooggi

Sperlinga e le sue grotte

Suscita una certa curiosità l’ambiente circolare con le nicchie intervallate da spazi crescenti poste nelle pareti. Qualcuno pensa possa trattarsi di un arcaico orologio con cui veniva misurato il tempo, qualcun altro lo individua come un luogo di culto.

Caratteristica del borgo sono le grotte artificiali create dall’uomo ancora prima dell’inizio della civiltà. Oggi sono diventate piccole abitazioni alcune delle quali sono visitabili: il comune infatti ne possiede cinque e al suo interno ha ricreato gli ambienti delle case contadine.

In memoria dell’antico artigianato locale sono stati posti dei telai di legno con cui si producevano le frazzate, dei tappeti dai colori accesi dove oltre ai fili di stoffa le donne intrecciavano ed intrecciano ancora  la storia, la tradizione e la cultura di questo luogo.

sperlinga - fotoo di siciliafan.it
sperlinga – fotoo di siciliafan.it

- Advertisement -

Ti consigliamo:

Leggi anche:

Imille si aggiudica la gara social di ITsART

Imille conia il concetto di “culturtainment” (culture + entertainment), un nuovo modo di parlare...

Statua di Cristina Trivulzio di Belgiojoso, svelata ieri nella...

Ieri, mercoledì 15 settembre, il Sindaco Giuseppe Sala ha svelato la statua di Cristina...

Golosaria quindicesima edizione: tra i Castelli del Monferrato

Apriranno sabato 11 settembre al castello di Casale Monferrato i cancelli - fisici e simbolici...

Tripfordog: al museo con il cane

Fino ad oggi se si volevano vedere alcuni musei importanti bisognava lasciare a casa...

Costa dei Trabocchi in moto, un itinerario imperdibile

Eccoci pronti in sella al nostro bolide per percorrere i 70 chilometri del litorale...

Francavilla al Mare, un comune tutto da scoprire

Francavilla al Mare è una piacevole località balneare della provincia di Chieti che affaccia...

Cosa scegli?

Translate »