Tre Cime di Lavaredo, un vero incanto!

- Advertisement -

Le splendide Tre Cime di Lavaredo sono il simbolo delle Dolomiti. Si trovano nel Parco Naturale Tre Cime dell’Alta Pusteria e dal 2009 sono state dichiarate, insieme ad altre cime dolomitiche, Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco.

Situate al confine tra Alto Adige e Veneto sono rimaste per un lungo periodo sotto il comune di Auronzo di Cadore. Nel 1752, con il Trattato di Rovereto sottoscritto da Maria Teresa d’Austria e il doge Francesco Loredan, i confini territoriali sono stati ridisegnati: il versante settentrionale è entrato a far parte del comune di Dobbiaco e quello meridionale del comune di Auronzo di Cadore.

Ci sono diversi modi e percorsi per raggiungere l’altopiano da cui si può ammirare questo capolavoro della natura che, va detto, lascia davvero senza parole per quanto è magnifico. I punti panoramici più suggestivi si possono godere dal rifugio Locatelli, dal rifugio Auronzo, dal monte Piana e dalle cime delle vette circostanti come la Torre di Toblin o il monte Paterno, ma anche dalla Val di Landro.

Le Tre Cime sono costituite da tre massicci: il Grande, situato al centro e alto 2.999 metri, la Cima Ovest alta 2.973 metri e la Cima Piccola, la più bassa, di 2.857 metri di altezza.

Giunti in cima si può godere del formidabile spettacolo da diverse angolazioni percorrendo un camminamento ad anello di 9,5 Km noto come il Giro delle Tre Cime di Lavaredo. Non molto faticoso lo si percorre in circa tre ore.

Le Tre Cime di Lavaredo imponenti, maestose e suggestive trasmettono emozioni uniche. Sono un vero orgoglio italiano!

Tre Cime di Lavaredo
Tre Cime di Lavaredo

- Advertisement -

Ti consigliamo:

Leggi anche:

Fiumalbo, il borgo dei Celti

Fiumalbo, borgo medievale dalle antiche origini, si trova nell’alto Appennino Modenese, al confine con...

Palmenti di Pietragalla, le sorprendenti costruzioni rupestri della Basilicata

Sono circa trenta i chilometri che separano Potenza dai Palmenti di Pietragalla, una distanza...

Bergamo e Brescia: Capitali della cultura 2023

Bergamo e Brescia saranno Capitali della cultura 2023. E’ stato appena firmato il protocollo...

Imille si aggiudica la gara social di ITsART

Imille conia il concetto di “culturtainment” (culture + entertainment), un nuovo modo di parlare...

Statua di Cristina Trivulzio di Belgiojoso, svelata ieri nella...

Ieri, mercoledì 15 settembre, il Sindaco Giuseppe Sala ha svelato la statua di Cristina...

Golosaria quindicesima edizione: tra i Castelli del Monferrato

Apriranno sabato 11 settembre al castello di Casale Monferrato i cancelli - fisici e simbolici...

Cosa scegli?

Translate »