Valcalepio, fra itinerari, cibo e vino

- Advertisement -

Per andare alla scoperta delle eccellenze eno-gastronomiche della Valcalepio, il territorio collinare che si trova nella parte orientale della Provincia di Bergamo, è stata creata la Strada del Vino e dei Sapori della Valcalepio che si snoda su tre percorsi.

Il primo, denominato I Conventi, da Capriate San Gervasio fino a Bergamo, dove si possono ammirare la casa natale di Papa Giovanni a Sotto il Monte Giovanni XXIII e, con un breve percorso, salire alla celebre Abbazia di S. Egidio, gioiello di arte romanica del X secolo. E ancora, l’Abbazia di Pontida e la splendida chiesa di San Tomè ad Almenno San Salvatore.

valcalepio - foto di italianintavola.it
valcalepio – foto di italianintavola.it

Il secondo percorso, Il Cuore della Valcalepio, inizia da Bergamo per terminare a Grumello del Monte, con i molti Castelli appartenuti alla famiglia del condottiero Bartolomeo Colleoni. A S. Paolo d’Argon si può visitare il Monastero benedettino e la chiesetta romanica di S. Pietro delle Passere. Proseguendo per Trescore Balneario si può ammirare Villa Suardi e l’annesso Oratorio di S. Barbara con l’affresco del Cristo delle Vigne di Lorenzo Lotto, si scende a Gorlago e di qui a Carobbio degli Angeli, dove si può ammirare il castello.

Valcalepio, imperdibile!

Il terzo percorso denominato Il Lago, si snoda da Sarnico, perla del Sebino, importante centro turistico rinomato anche per le due magnifiche ville Faccanoni in stile Liberty, si può visitare la chiesa di San Nazario a Castione. Seguendo la valle dell’Uria, si raggiunge Adrara S. Martino, sede di insediamenti preistorici e romani e di un castello medioevale.

Da non dimenticare la tradizionale ospitalità, fra aziende agricole, agriturismi e locali legati al territorio che permettono di scoprire antichi sapori, ormai dimenticati.

A farla da padrone sono i formaggi come il Branzi, i caprini della bergamasca, lo strachitunt. Fra i salui, il gaì, salame di pecora o il cotechino della bergamasca. I casonsei della bergamasca, gli carpinocc di Parre e gli osei. Senza dimenticare il piatto bergamasco per tradizione: la polenta. Piatti irrinunciabili, da annaffiare con i vini locali: il Valcalepio DOC, oppure, per i dolci, il nobile Moscato di Scanzo.

- Advertisement -

Ti consigliamo:

Leggi anche:

Imille si aggiudica la gara social di ITsART

Imille conia il concetto di “culturtainment” (culture + entertainment), un nuovo modo di parlare...

Statua di Cristina Trivulzio di Belgiojoso, svelata ieri nella...

Ieri, mercoledì 15 settembre, il Sindaco Giuseppe Sala ha svelato la statua di Cristina...

Golosaria quindicesima edizione: tra i Castelli del Monferrato

Apriranno sabato 11 settembre al castello di Casale Monferrato i cancelli - fisici e simbolici...

Tripfordog: al museo con il cane

Fino ad oggi se si volevano vedere alcuni musei importanti bisognava lasciare a casa...

Costa dei Trabocchi in moto, un itinerario imperdibile

Eccoci pronti in sella al nostro bolide per percorrere i 70 chilometri del litorale...

Francavilla al Mare, un comune tutto da scoprire

Francavilla al Mare è una piacevole località balneare della provincia di Chieti che affaccia...

Cosa scegli?

Translate »